La Mortuary Station di Sydney

mortuary-station-01_b

Con il suo titolo di capitale “morale” dell’Australia, Sydney è una delle città più belle del mondo, da me visitata con estrema sofferenza qualche anno fa… esperienza mistica direi. I ricordi mi assalgono con violenza, ho i crampi ai polpacci ma non devo cedere al dolore e portare a termine l’articolo, qualsiasi cosa succeda.
Volete che una città del genere non abbia le proprie chicche? Ovviamente ce le ha, e anche in quantità! In questo articolo ve ne svelo una ma, come al solito, dovete abbandonare l’orda di turisti medi con i sandali di gomma e le calze di spugna che fanno i selfie davanti all’Opera House e non sanno nemmeno da dove derivi la sua forma.
Siamo nel quartiere Chippendale, diciamo un paio di chilometri a sud dell’Harbour Bridge (che, sempre per il turista medio, è solo il luogo da cui sparano i fuochi d’artificio a Capodanno e non il ponte in acciaio più largo e pesante del mondo, ispirato al Hell Gate Bridge di New York) per capirci, praticamente poco dietro la Central Station. All’uscita della stazione – a cui arrivano quasi tutte le linee della metropolitana della città, fermata mortuary station 05Central appunto – sulla destra avete un grazioso edificio rosso in mattoni di 8 piani che ospita l’ostello Wake Up! Sydney (la mia “base” per la permanenza in città, consigliatissimo! Qui tutte le info, se vi interessa), salutate con la manina la graziosa receptionist e prendete a sinistra Lee Street che dopo qualche decina di metri diventa Regent Street; pochi minuti e vi troverete a costeggiare un misterioso quanto austero edificio in pietra arenaria color biscotto perfettamente conservato che sembra una chiesa, ma non lo è. L’edifico è in stile gotico, di dimensioni contenute e per qualche strano motivo dà una sensazione di quiete… eterna oserei dire; signore e signori siete infatti di fronte alla Regent Street Railway Station in arte Mortuary Station (qui la posizione). La piccola stazione ferroviaria è stata inaugurata nel 1869 e fino alla seconda guerra mondiale era il punto di partenza dei treni funerari diretti al cimitero di Rookwood, infatti, se salite i gradini e oltrepassate il primo edificio ottagonale a punta, vi troverete in una vera e propria stazione ferroviaria con un unico binario che va verso l’unica direzione possibile: il camposanto. A causa dei molteplici problemi sanitari dell’epoca e dell’ancora poco spazio in città, i corpi venivano gentilmente accomodati negli scomparti dei treni con il biglietto pagato – probabilmente era una sorta di tassa da versare per il trasporto al cimitero, ma prendetela con le pinze, non ho trovato conferme da nessuna parte – e venivano portati a Rookwood senza possibilità di fermate, ovviamente; sul treno c’era posto pure per i vivi, i parenti infatti potevano scegliere di accompagnare il proprio caro fino a destinazione e spesso le celebrazioni funebri cominciavano addirittura in carrozza. Dopo la seconda guerra mondiale, con l’avvento delle strade e della automobili, il servizio fu interrotto.

mortuary station 03L’edifico cambiò diverse volte destinazione d’uso, da movimentazione bestiame a centro di spedizione pacchi, fino più o meno agli anni ’80, quando venne aperto un ristorante con scarso successo; dopo pochi anni tutto venne chiuso causa il non gran interesse da parte della gente a banchettare allegramente dove un tempo venivano caricati i cadaveri… come biasimarli. Oggi, grazie al Permanent Conservation Order (qui i dettagli) l’edificio è al suo antico splendore, le cancellate in ferro battuto sono perfette, i dettagli gotici sono splendenti e i giardini retrostanti sono stati restaurati recentemente; esso è utilizzato come sede occasionale per eventi di importanza cittadina. Per dovere di cronaca concludo dicendovi che il cimitero di Rookwood è talmente grande che l’amministrazione comunale di Sydney ha assegnato ad esso un codice di avviamento postale dedicato… uuuh guarda quanti turisti medi svenuti per terra!

mortuary station 06

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...