Il bunker antiatomico sotto il ponte di Brooklyn

bunker03

L’interno del bunker (fonte idealista.it)

Negli anni ’80 e ’90 in tutti i film americani, indistintamente tv o cinema, qualsiasi cosa succedeva era colpa dei russi. Il nemico da combattere – da Ivan Drago di Rocky ai MiG 28 di Top Gun – aveva sempre la bandiera rossa appesa da qualche parte. Effettivamente però nel periodo della Guerra Fredda, tra Stati Uniti e Russia (diciamo dalla fine degli anni ’40 fino a circa il 1991) la tensione c’era eccome, tanto che la frase “la fine del mondo sta arrivando” è stata usata più e più volte e soltanto le due superpotenze sanno realmente quanto ci siamo andati vicini. Per questo motivo negli Stati Uniti furono costruiti centinaia di bunker che avrebbero dovuto fornire adeguato riparo ed essere autosufficienti per settimane in caso di attacco nucleare da parte dell’allora URSS. Sareste curiosi di vederne uno, vero?

L’impresa è ardua perché sulla Lonley Planet non mi risulta ce ne sia menzione e per le strade delle città americane non credo ci sia segnaletica con scritto “per il bunker, di qua“, ma ragazzi… ragazzi! È proprio qui che arriviamo in aiuto noi, no?

Allora, innanzitutto prendete un aereo e atterrate nella città innominabile per eccellenza, il cui nome inizia per N e finisce per ew York; prendete la metropolitana linee 4, 5 o 6 (verde) e scendete alla fermata Brooklyn Bridge-City Hall. Vi trovate ora nel City Hall Park (qui tra l’altro trovate la nostra recensione della chicca galattica che si trova esattamente sotto di voi!), cercate di non farvi distrarre da ciò che avete intorno e imboccate Spruce Street. Ecco, attenzione, qui vi consiglio di camminare a passi veloci e di non alzare MAI lo sguardo per nessun motivo… potreste essere inceneriti all’istante alla vista del sinuoso e luccicante drappeggio di acciaio della Beekman TowerSe avete seguito il consiglio e avete passato indenni il pericolo, girate a sinistra in Gold Street e proseguite fino al Brooklyn Bridge. Passate quindi sotto la prima rampa di accesso in ferro e bulloni a vista (troppi per i miei gusti) e vi troverete di fronte un grosso arco che passa da parte a parte l’intera carreggiata del ponte sovrastante; sotto la galleria, se fate attenzione, troverete un’apertura in breccia nel possente muro sulla sinistra, chiusa da una vecchia porta di spesso ferro arrugginito. Bene ragazzi, siete davanti all’ingresso dell’ultimo bunker in ordine di tempo scoperto in città!

Il bunker fu reso pronto per l’uso al culmine della crisi dei missili a Cuba nel 1962 e avrebbe dovuto ospitare e proteggere l’allora sindaco della città e il suo staff dal famoso attacco nucleare prospettato, ma mai avvenuto; dimenticato lì, è stato poi riscoperto 44 anni dopo da un gruppo di operai della manutenzione (alcune fonti parlano di ispettori del dipartimento dei trasporti) che, dopo aver aperto la porta, si sono trovati di fronte una cinquantina di barili di acqua, scatoloni di viveri tra cui una marea di barrette ipercaloriche e molto materiale di primo soccorso. Se siete fortunati e guardate dal buco al centro della porta (probabilmente alloggiamento di qualche tipo di serratura o non so cos’altro) potreste riuscire a vederne l’interno. Dopo una rapida analisi, tra l’altro, il luogo si rivelò inadatto allo scopo per cui era stato costruito perché per niente interrato e troppo ventilato… e poi si sa che le vie di comunicazione sono le prime a saltare per aria in caso di guerra. Un ponte forse non lo è?

Il materiale rinvenuto è stato dichiarato cimelio della Guerra Fredda e quindi è stato donato al museo della Protezione Civile, i medicinali sono stati smaltiti dalle autorità sanitarie e le barrette energetiche sono state distribuite agli sciami di turisti medi per prevenire il calo di zuccheri nel caso in cui per sbaglio gli capitasse di passare da queste parti.

Annunci

Un pensiero su “Il bunker antiatomico sotto il ponte di Brooklyn

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...