Cala Coticcio, il paradiso nascosto

Immagine 281

Sono stato diverse volte in vacanza in Sardegna e le due isolette del nord, La Maddalena e Caprera, sono state oggetto solo della classica, superficiale gita di una giornata; ricordo di esserci passato di striscio un paio di volte, ma immediatamente ne ho carpito le potenzialità, mi sono chiesto come sarebbe stato viverle per una vacanza intera, cosa si fosse nascosto fuori dai classici percorsi che si è obbligati a seguire standoci solo poche ore. Detto fatto. Qualche tempo dopo, per soddisfare il mio desiderio e la mia sete di avventura (sì, perché per raggiungere certe calette, di avventura si può parlare) ci ho trascorso un paio di settimane di vacanza e devo dire che l’esperienza è stata davvero notevole. Avevo base nella graziosa cittadina de La Maddalena, un bell’appartamentino con vista sull’isola di Santo Stefano (ex sede della base militare della Marina, di appoggio ai sommergibili nucleari U.S.A. stanziati in loco); da qui ho praticamente setacciato come un segugio le due isolette trovando calette e insenature talmente spettacolari da far venire i capelli brizzolati come George Clooney. Né la Maddalena né Caprera (collegate da un ponte di legno carrabile a senso unico alternato) avevano più segreti per me, o forse così pensavo…. una sera, intento a scartabellare le cartine e il materiale in mio possesso per organizzare l’itinerario del giorno dopo, mi imbatto in un nome che fa vibrare il mio cervello da viaggiatore: Cala Tahiti (qui la posizione). Dunque, fammi pensare, faccio due associazioni al volo: Tahiti, Polinesia Francese, posto orrendo, come mai dare questo nome a una spiaggia di Caprera? Forse perché potrebbe essere una delle più spettacolari dell’isola? Ok, deciso, domani si va lì. Scopro che il vero nome di Cala Tahiti è Cala Coticcio, insenatura nel nord-est dell’isola di Caprera raggiungibile solo via mare… come “solo via mare”? Eppure la cartina che ho in mano riporta un fantomatico sentiero per arrivarci a piedi e io sono intenzionato a trovarlo. La mattina arriva in fretta ed è già ora di partire, come Mikey Walsh de I Goonies prendo mappa e zaino e inforco la bici… cioè salgo in macchina e mi dirigo verso Caprera. I primo tratto di strada, subito dopo il ponte di collegamento tra le isole, si addentra in una spettacolare pineta di pini marittimi dove non è difficile incontrare deliziosi esemplari di cinghiale selvatico di almeno 50 kg che vi guardano, vi aspettano e all’ultimo secondo vi tagliano la strada; immediatamente nella mia mente compare l’immagine chiara e nitida di una grigliata galattica, ma subito devo tornare lucido perché poco dopo si presente la prima importante scelta da fare: bivio diabolico, a sinistra verso il Museo di Garibaldi o a destra direzione Museo del Mare e delle Tradizioni Marinaresche? Consulto la mappa di Chester Copperpot (vi ricordate chi è, vero? Se la riposta è no rinfrescatevi la memoria qui) e vado a destra senza battere ciglio. Dopo circa 150 metri abbandono la direzione che sto seguendo e inforco la curva a gomito che trovo sulla mia sinistra, che mi immette su una stradina di asfalto rossiccio in direzione nord; la percorro per circa 3,5 km senza fare caso né alle varie svolte che mi si presentano ai bordi della strada né, sopratutto, all’orrendo panorama che vedo fuori dai finestrini… cerco di descriverlo con non poco dolore: la strada sale leggermente – credo di essere nel punto più alto dell’isola, il monte Telaione – cielo in HD, cespugli bassi, rocce dalle forme bizzarre modellate dal vento, mare turchese sia a destra che a sinistra, l’isola della Maddalena che si taglia a ovest poco distante… in una sola parola, uno scempio per gli occhi.

La mappa è chiara, dopo un microscopico ponticello con parapetti in legno, sulla destra dovrebbe apparire un piccolo spiazzo sterrato dove in teoria comincia il sentiero per raggiungere a piedi (a differenza di quello che ho letto la sera prima) la destinazione; e così è infatti, trovo lo slargo e abbandono al macchina per proseguire a piedi. Alle spalle della grossa roccia che ho difronte vedo il sentiero – diciamo più che altro una traccia nei cespugli – che scende ripido fino a raggiungere il versante orientale dell’isola. Fortunatamente indosso un paio di scarpe comode da trekking e un cappellino per il sole (indispensabili per una vacanza qui) e non un paio di infradito scassati di qualità scadente e una canotta dei Lakers del 1989 come il turista medio che ogni tanto vi capiterà di incontrare in queste zone assieme ai cinghiali. Dopo circa 500 metri il sentiero diventa pressoché in piano e arriva a una piccola spianata; consulto la mappa: freccia di sassi sul terreno che indica la direzione e piccoli omini di pietra nelle vicinanze… trovati, vado! Questo è l’unico punto del percorso dove bisogna fare un po’ di attenzione per evitare di perdersi. Mr Copperpot mi guida a scendere una ripida scalinata di roccia che porta a un’inquietante insenatura con sassi e detriti portati dal mare (qui di turista medio nemmeno l’ombra) e ancora più giù in mezzo alla folta vegetazione, ma ad un certo punto vedo un bagliore laggiù in fondo, una luce che mi attira… il fogliame si dirada e difronte ai miei occhi si materializza come per incanto una piccola baia dai colori soprannaturali. Mr. Copperpot aveva ragione, ecco la paradisiaca visone di Cala Coticcio.

Immagine 291

scoglio Murru

Ora, io ho avuto la fortuna di poter viaggiare, ho visto lo splendore dell’Oceano Indiano, ho ammirato gli atolli della Grande Barriera Corallina Australiana, ho assaporato la meraviglia delle Canarie e dell’Oceano Atlantico che le circonda, ma credetemi, una cosa simile non l’ho mai vista.

Il luogo si presenta così: piccola insenatura con sabbia finissima e morbida, mare a dir poco fluorescente, incastonata tra rocce selvagge e bassa vegetazione fortemente aromatica… ripeto, una cosa mai vista; e come se non bastasse 200 metri più avanti c’è una seconda insenatura altrettanto orribile con lo scoglio Murru a farla da padrone proprio al centro. Ricordo di essere rimasto inebetito e immobile per qualche minuto, completamente inebriato da quello che stavo vedendo, l’unica cosa che mi ha riportato alla realtà è stata l’incontrollabile ambizione di eseguire un tonante “tuffo a bomba” dalla sommità della roccia davanti a me… non ricordo nemmeno di essermi tolto i vestiti, tanto era forte il desiderio.

Sarà stata la piccola “caccia al tesoro” che ho dovuto affrontare per arrivarci, sarà stata la grigliata sfiorata, forse – anzi, sicuramente – é stata la meraviglia del posto in cui mi sono imbattuto, ma la caletta da cui non sono riuscito a staccare lo sguardo per tutta la giornata non faccio fatica a definirla uno dei posti di mare più belli mai visti in vita mia.

Immagine 284

Cala Coticcio

Concludo con un paio di indicazioni tecniche: il trekking non è lungo (circa 2 km), ma abbastanza impegnativo (infatti 30-40 minuti di percorrenza) e con scarsa ombra, non portatevi frigobar giganti e materassini gonfiabili a forma di balena appresso. Sono indispensabili scarpe comode, acqua per il cammino e pranzo al sacco. Un asciugamano più crema solare per la permanenza e il resto purtroppo saranno solo lacrime e incubi notturni.

Ah, dimenticavo! Se durante il tragitto, magari al ritorno all’ora dell’imbrunire, quando siete soli e attorno a voi avete solo cespugli, rocce e mare non fate caso al sottile fischio che potreste sentire in lontananza. Non abbiate paura, non si tratta assolutamente del richiamo degli spiriti dei molti soldati caduti nella seconda guerra mondiale in queste acque, Mr. Copperpot dice che è solo il vento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...