Milano, sulle tracce dei bombardamenti

Luglio 1943, Mussolini viene arrestato. Agosto 1943, per accelerare la resa dell’Italia, gli inglesi programmano un ciclo di bombardamenti che sconvolgono la città di Milano. Due cose balzano all’occhio immediatamente: 1) La rinomata cautela e ragionevolezza del popolo inglese. 2) Per Milano è l’estate più “calda” di sempre. I danni sono ingentissimi; la città ne esce pesantemente mutilata, anche in molti dei suoi pezzi pregiati, La Scala (colpita in pieno), Santa Maria delle Grazie (il Cenacolo di Leonardo rimane forzatamente e per parecchio tempo all’aperto), la Galleria (la maggior parte della copertura non esiste più), l’Ospedale Maggiore (centrato da mezza dozzina di bombe), solo per citarne alcuni. Passata la paura però i milanesi si rimboccano le maniche e cominciano la ricostruzione, lenta ma inesorabile. Tutto torna (quasi) come prima; qualche cosa a testimonianza dell’accaduto – a parte le fotografie d’epoca e i libri di scuola – è però tutt’ora rimasto, fermo immobile dove è sempre stato, basta cercarlo. Ed è qui che la chicca milanese ha inizio.

Come al solito vi farò fare una piccola marcia di avvicinamento (come già capitato per raggiungere il mitologico Rucker Park di quella città che non nominerò) perché la zona vale veramente la pena di essere assaporata per bene; subito una rassicurazione: non temete, non troverete nessun turista medio in questa zona, sono tutti in via Monte Napoleone a guardare le vetrine dei negozi oppure in Galleria Vittorio Emanuele II a spendere 25 euro per un piatto di riso con lo zafferano (perché SOLO lì si mangia il vero risotto alla milanese).

Prendete la metropolitana M1 (linea rossa) e scendete alla fermata Palestro, siamo al limite della seconda cerchia della città, grossomodo a metà strada tra il centro e la Stazione Centrale, risalendo in superficie vi troverete su Corso di Porta Venezia e dopo pochi passi in direzione nord-est sulla sinistra vi si apriranno i Giardini Pubblici Indro Montanelli; qui avete due opzioni: o svoltate a sinistra in via Palestro e dopo circa duecento metri entrare alla GAM (Galleria di Arte Moderna), oppure potete buttarvi a capofitto nel parco dove troverete ombra, fresco, il Museo Civico di Storia Naturale (un po’ obsoleto ma a me molto caro, mi ero follemente innamorato della ricostruzione a grandezza naturale del Triceratopo che c’è al suo interno) e il Planetario Ulrico Hoepli. A fine giornata, dopo esservi acculturati per bene, fatevi una bella passeggiata lungo i sentieri dei giardini pubblici fino ad arrivare all’uscita della punta nord dove vi troverete improvvisamente di nuovo nel folle caos cittadino di Piazza della RepubblicaL’area occupata dalla piazza, pur essendo molto ampia, risulta comunque estremamente intricata per via dell’incrocio di numerose vie e linee del tram che si concentrano in questo punto, una miriade di pali della luce ed elettricità sono sparsi un po’ ovunque, ma voi dovete essere molto concentrati sull’obbiettivo; facendo attenzione a non essere investiti almeno una volta ogni metro percorso, dovete portarvi dall’altra parte della piazza, dove confluisce viale Monte Santo e camminare sulle strisce pedonali che attraversano le due linee del tram.

palo01

fonte: blog.urbanlife.com

Esattamente al centro di esse, proprio sopra a un paio di gradini che ne creano una sorta di piedistallo, troverete un palo verde identico ma nello stesso tempo diverso da tutti: ebbene, se guardate attentamente potrete facilmente scorgere alcuni grossi buchi (un paio passanti da parte a pare) che ne martoriano la superficie, essi sono la conseguenza delle esplosioni degli ordigni bellici raccontati prima e che devastarono la città; questo è quello più evidente ma se cercate bene potrete trovare piccoli danni anche su altri pali in zona.

Fortunatamente in quegli anni Milano era piena di sotterranei e rifugi antiaerei allestiti per la guerra dove la gente si è potuta in qualche maniera proteggere e salvare, queste strutture erano segnalate da indicazioni e scritte sui muri dei palazzi e sono in qualche caso ancora oggi visibili (qui un esempio)

palo02

fonte: blog.urbanlife.com

Come ultima informazione – e per farvi rendere conto della devastazione avvenuta – vorrei riportarvi questo dato: con le macerie dei bombardamenti, verso la fine degli anni quaranta è stato realizzato il bellissimo parco urbano Monte Stella (teneramente ribattezzata dai milanesi “montagnetta di San Siro”) le cui dimensioni sono 370.000 mq di prati e boschi per circa 50 metri di altezza… prendete la piramide di Micerino e moltiplicatela per 3,5.

Per smorzare un po’ di tutta questa drammaticità vi riporto che dalla sua sommità si scorge chiaramente lo stadio Giuseppe Meazza dove l’F.C. Internazionale quest’anno ha fatto una memorabile stagione calcistica condita da un record storico: 2 punti nelle ultime 8 partite (fino alla data odierna…). Eccezionale!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...