Cena dal pastore

Che la Sardegna sia la terra dove il Demonio si annida in ogni caletta caraibica è risaputo; che i prodotti tipici di mare e di terra della Sardegna siano sempre opera sua è anche questo risaputo, ma che egli abiti a pochi chilometri da Villasimius, proprio lo si ignorava.
Domenica mattina, cielo in HD, sole pazzesco, sto percorrendo beato e felice l’illegale (per il panorama) tratto di strada costiera che collega Solanas – frazione del paese di Sinnai – a Villasimius, quando sulla mia sinistra scorgo tra la foresta di fichi d’india un cartello sgangherato e scritto brutalmente a mano, che riporta la seguente dicitura: Cena dal pastore. La mia curiosità cresce da zero a centomila in un secondo, DEVO saperne di più!

img_3475

Al primo slargo disponibile faccio inversione, ritorno sul posto e imbocco la stradina sterrata indicata dal cartello; dopo un paio di curve giungo a un agglomerato di baracche con una piccola aia, una manciata di ulivi, qualche pecora e qualche maiale ai piedi di una piccola montagna calcarea… la sensazione che qualcosa di paranormale stia per accadere è fortissima e, infatti, tutt’a un tratto si materializza Sandro (si vede lontano un miglio che costui è il Demonio in persona!), un omone scuro di capelli al quale chiedo lumi sul cartello che ho appena letto. Con fare schivo ma educato mi accoglie confermandomi ciò che temevo e che speravo non fosse vero: su prenotazione (scritta a mano sulle pagine impolverate di un’agenda del 2004) è possibile cenare con lui e abusare del ben di Dio da lui prodotto, non a chilometro zero… proprio nel portico di fianco!

Sconvolto da quello che sto sentendo lo seguo nel locale dove si cena – praticamente  una piccola stanza molto spartana con un grosso tavolo e panche di legno – che il Demonio… ehm… volevo dire Sandro mi ha invitato a vedere. Mi dice che in questo periodo sono disponibili antipasto di salumi fatti con le sue stesse mani e olive verdi appena colte; come primo usualmente si serve fregola con salsiccia (manco a dirlo) appena prodotta e, per secondo, maialino arrosto cotto sulla brace e formaggi di pecora di tutti i tipi e stagionature possibili e immaginabili. Ah beh… il tutto ovviamente innaffiato con abbondante vino sardo autoctono e mirto o filo ‘e ferru per digerire bene.

Completamente frastornato prendo il bigliettino da visita che mi porge il diavolo tentatore, decorato con una graziosa capretta che mi guarda, su cui è riportato un numero di cellulare al quale mandare un sms per le prenotazioni e un sito internet da consultare per farsi ulteriormente del male. Accetto, ringrazio e me ne vado in trance, con un unico pensiero che mi frulla nella testa: come fanno a coesistere un maialetto arrosto, una maglietta a maniche corte di tale bruttezza, un paio di pantaloni così impolverati con un biglietto da visita del genere e, addirittura, un sito internet? È sicuramente opera di Satana.

img_3520
Qui trovate il sito internet e qui la posizione geografica precisa dell’ingresso all’inferno. Mi raccomando, se vi doveste trovare in zona e imbattervi in qualche turista medio che mangia fritto misto di gamberi surgelati del Pacifico, per piacere non abbiate pietà. Grazie di cuore.

Annunci

La chiesetta greco-ortodossa ai piedi delle Twin Towers

Tutti sanno che dopo l’11 settembre 2001, del vecchio World Trade Center di New York non rimaneva praticamente nulla. Le due torri gemelle collassate sugli edifici sottostanti hanno ridotto l’area nel cuore di Lower Manhattan a un ammasso di detriti e scheletri di palazzi in fiamme.
Ciò che pochi sanno è che tra le costruzioni devastate dal crollo dei due grattacieli ce n’era anche una di carattere religioso, la chiesa greco-ortodossa di San Nicola.

03trade_450L’edificio, risalente all’800, venne convertito in chiesa solo novant’anni più tardi e incredibilmente sopravvisse al mastodontico piano di riqualificazione che interessò l’area a metà degli anni ’60, con la costruzione del complesso del World Trade Center. La chiesetta di San Nicola rimase quindi intatta ai piedi delle Twin Towers per oltre ventotto anni, un puntino bianco ai piedi degli edifici più imponenti di New York, fino alla mattina dell’11 settembre 2001 quando il crollo della torre sud la seppellì. Pochissimi oggetti furono rinvenuti dal sito della chiesa, tra cui qualche candelabro contorto, una bibbia bruciacchiata e qualche icona sacra e per anni si ha avuto la sensazione che l’edificio di culto non sarebbe stato rimpiazzato.

Fortunatamente negli ultimi mesi è possibile notare, più o meno nella stessa posizione, in un angolo del nuovissimo Liberty Park, un edificio in costruzione che va rapidamente prendendo la forma di una chiesa. Si tratta della nuova chiesa greco-ortodossa di San Nicola, ad opera di Santiago Calatrava, già autore del sorprendente World Trade Center Transportation Hub, la stazione di collegamento tra diverse linee ferroviarie e metropolitane che si intersecano proprio sotto il complesso di grattacieli.

La chiesa avrà un aspetto totalmente diverso rispetto a quello che aveva in passato, a sottolineare ancora una volta l’idea che ciò che è andato perduto non potrà essere sostituito, idea alla base di tutto il masterplan di ricostruzione di Ground Zero.
Un nuovo edificio quindi che, a giudicare dallo stato dei lavori, non tarderà a essere completato e aperto al pubblico.

Se vi interessano altri articoli riguardanti l’11 settembre, abbiamo scritto sull’argomento anche qui e qui.

Cannon Beach, la spiaggia dei Goonies

Va bene, non giriamoci troppo attorno e veniamo subito al dunque: questa chicca farà molto male per cui, se non ve la sentite, vi invitiamo ad abbandonare immediatamente la pagina e a stare tranquilli: non sarete giudicati per questo.
Allora, se come noi fate parte della generazione dei nati negli anni ’80, vi sarà bastato leggere il titolo di questo articolo per essere colti da vertigini, dolore alle ossa, mancanza d’ossigeno e da un diffuso, lancinante e persistente senso di nostalgia. È normale ragazzi, niente che non abbiamo già provato anche noi sulla nostra pelle.

Il guaio è che in questo periodo abbiamo preso la malsana abitudine di parlare di posti conosciuti anche per essere stati location di film famosi. E qui dovrete munirvi di tutto il coraggio di cui siete capaci, perché andiamo a tirare in ballo uno dei film più illegali mai concepiti dall’uomo e quindi fondamentali per la nostra infanzia, vale a dire I Goonies.
Scenario: Stati Uniti occidentali, nello specifico l’Oregon, dove l’autunno arriva molto presto. Cittadina (Astoria) che si affaccia sulla foce del fiume Columbia poco prima che si tuffi nel Pacifico, nuvole basse e pioggerellina insistente. Avete un k-way giallo canarino da indossare? Ok, bravi, io intanto vado un attimo in bagno a cercare di vomitare, magari mi libero di questa sensazione di nausea.

astoria-oregon

Astoria, Oregon

Dando per scontato che avrete visto il film almeno un centinaio di volte, vi ricorderete che, a fare da sfondo alla caccia al tesoro, c’è una spiaggia con grandi formazioni rocciose che si innalzano a pochi metri dalla riva e dove, alla fine dell’avventura, i ragazzi si riuniscono alle loro famiglie, mentre la nave di Willy l’Orbo prende il largo. No, niente da fare, devo andare a rimettere di nuovo…

Eccomi, scusate, sono veramente costernato.

Dicevamo, la suddetta spiaggia ovviamente esiste realmente ed è una delle più famose degli Stati Uniti. Stiamo parlando di Cannon Beach (qui e qui un paio di siti internet), che dà il nome all’omonima città (Wikipedia parla di 1.705 abitanti… mi ci trasferirei subito!), non lontano dalla più grande e importante Astoria (9.802… sono pronto a diventare il numero 9.803).

summer-2011-100

Cannon Beach vista da Ecola State Park

Cannon Beach è situata immediatamente a sud di Ecola State Park (qui il sito ufficiale), un parco nazionale con viste mozzafiato su un tratto di costa caratterizzato da alte scogliere e foreste di sempreverdi, dove l’oceano, la nebbia e il sole che filtra attraverso di essa, creano un panorama mai uguale a sé stesso e che vale assolutamente la pena di vedere almeno una volta nella vita.

Artboard

Cannon Beach in una scena del film

Già così mi sento come un pugile che si trova all’angolo, ma il colpo del k.o. mi arriva dalla più grande e riconoscibile formazione rocciosa di questo scenario apocalittico, uno scoglio conosciuto col nome di Haystack Rock. Arrogantemente piazzato tra i flutti che si infrangono su Cannon Beach, questo monolite di settantadue metri d’altezza è raggiungibile a piedi dalla spiaggia e fa da guardia a flotte di surfisti che percorrendo la mitologica Highway 101 raggiungono questo tratto di Pacifico per esibirsi in evoluzioni fuori dalla grazia di Dio.

large

Haystack Rock

Astoria, Cannon Beach e i dintorni di Ecola State Park sono stati l’ambientazione anche di altri film sfacciatamente anni ’80 e ’90, tra cui Corto Circuito, Free Willy, Point Break e Un poliziotto alle elementari. Andate pure a controllare, ritroverete le stesse ambientazioni in cui i ragazzini di Goon Docks si gettano alla ricerca di un antico tesoro scomparso.

Bene ragazzi, io mi fermerei qui. I medici sconsigliano di affrontare certi argomenti e, se proprio non si può farne a meno, bisogna limitare il più possibile l’esposizione a queste situazioni potenzialmente letali.

Grazie per essere stati con noi, mi metto in malattia…

Devils Tower, la torre del Diavolo

Bentrovati cari lettori, la chicca che sto per mettere in infusione mi porta indietro nel tempo, a un’estate di qualche anno fa. Avete presente quelle lunghe serate afose in cui, sfiancati dal caldo, si rimane a oziare sul divano cimentandosi in uno zapping compulsivo? Ecco amici, prima regola: mai sottovalutare questa antica pratica, perché spesso e volentieri il telecomando diventa una vanga con la quale vi troverete a dissotterrare tesori di cui non sospettavate nemmeno l’esistenza.
8dd50a6adfd02cee545b4afa4ebef0bc-fiction-movies-science-fictionSono proprio quelli i momenti in cui le chicche più inaspettate si palesano ai vostri occhi e un costante allenamento vi permetterà di seguirne la traccia fino ad arrivare alla meta.
Capita ogni tanto che la programmazione estiva regali perle inaspettate, tuffi nel passato della produzione cinematografica e si dà il caso che quella serra m’imbattei in Incontri ravvicinati del terzo tipo, un film che non ha bisogno di presentazioni, vero? Vero?! Bene, andiamo avanti.
Ricorderete senz’altro la montagna che nel film funge da punto di incontro tra umani e alieni… ebbene, non so come dirvelo, ma quella montagna esiste realmente.

La formazione rocciosa conosciuta come Devils TowerTorre del Diavolo in italiano – si trova negli Stati Uniti e più precisamente nel Wyoming. Circondata dal classico nulla che scatena le fantasie dei viaggiatori più intraprendenti e mette in fuga i turisti medi a bordo dei sightseeing bus (i loro mezzi di locomozione per eccellenza), si erge per un’altezza di 386 metri su una prateria pressoché sconfinata.
Questo sarebbe potuto bastare a sprofondarmi in uno stato di incoscienza ma, non contento, ho proceduto sui gomiti nella ricerca di ulteriori informazioni circa questa meraviglia geologica. Pare che la teoria più accreditata sull’origine del monolite – sì, avete capito bene, mo-no-li-te – affermi che si tratti del magma che anticamente si trovava all’interno di un cono vulcanico poi scomparso con l’erosione del tempo.

devils-tower-1

Devils Tower (fonte)

Ma c’è dell’altro: com’è facile immaginare la montagna risulta sacra nelle credenze di diverse tribù della zona, le quali credono che abbia a che fare con un grande spirito. In realtà il nome Torre del Diavolo nasce da un’errata traduzione del nome indigeno del luogo che significherebbe Rifugio dell’Orso. Una leggenda lakota infatti narra di come il picco sia stato il rifugio di alcune bambine rincorse da un orso che le voleva divorare. Il grande spirito le avrebbe messe al riparo sulla sommità del monte, con l’orso che invano cercava di raggiungerle ed ecco spiegate le tipiche scanalature verticali che ne caratterizzano le pareti.
La roccia è comprensibilmente irresistibile per molti scalatori, ma ricordatevi che gli indiani considerano l’arrampicata niente meno che sacrilega, per cui la scelta sta un po’ a voi e alla vostra sensibilità. Di sicuro non potrete raggiungere la cima in giugno, mese in cui hanno luogo diverse cerimonie sacre.
Qualche altra informazione prima di svenire. Nel 1906, torre e area circostante divennero il primo monumento nazionale degli USA (qui il sito governativo), istituito niente meno che da Theodore Roosevelt e, ad oggi, è considerata tappa imperdibile per chi si trova a viaggiare verso parchi i più conosciuti della zona, Yellowstone su tutti.

Tornando alla mia esperienza ultraterrena, posso dirvi che dopo avere appreso tutte queste nozioni sono scivolato in stato catatonico e per una settimana non ho mangiato né dormito, limitandomi a starmene seduto sul divano, fissando il televisore spento.

La piscina segreta di Lisbona

Lisbona, destinazione scelta all’epoca (anno domini 2010, nei giorni in cui l’F.C. Internazionale si laureava campione d’Europa per la terza volta) un po’ come ripiego, dato che la meta originaria avrebbe dovuto essere Istanbul, poi saltata per cause di forza maggiore; avendo come paragone la capitale dell’allora Impero Bizantino, non avevo grosse aspettative a riguardo e invece la città mi ha stupito e colpito molto, facendola balzare nei primi posti della classifica delle città visitate. Oltre ad avere un meraviglioso sapore mediterraneo, Lisbona risulta gradevolmente a misura d’uomo, molto semplice da visitare e ovviamente stracolma di cose interessanti da scovare; la chicca di quest’articolo per esempio si mimetizza e rimane anonima per la maggior parte dell’anno, ma basta sapere dove cercare e in quale periodo dell’anno farsi trovare pronti e… tac, viene al pettine!

Per arrivarci dovete prendere la metropolitana Linha Azul e scendere alla fermata Restauradores che vi scaraventerà nella centralissima Praça dos Restauradores – grande piazza realizzata per commemorare la liberazione del Portogallo dal dominio spagnolo, avvenuta nel 1640 – con pavimento in mosaico a dir poco psichedelico annesso. Attraversate la piazza e imboccate Avenida da Libertade fino ad arrivare alla Calcada do Lavra; qui potete prendere la piccola funicolare arancione che vi porta in cima alla collina, oppure farvi duecento metri di gradoni (scelta consigliata perché a circa metà della salita c’è una piccola scalinata parallela con murales da lasciar lì per terra i bulbi oculari come Santa Lucia) fino a sbattere contro l’avveniristica facciata in cemento e vetro della Facultad De Ciencias Médicas; ora direzione nord fino in fondo a Forno do Torel, un sinistra-destra rapido e vi trovate in Rua Julio Andrade, proprio di fronte all’ingresso del Jardim do Torel (qui la posizione esatta)Passate la fontana raffigurante una sirena che vi trovate difronte e affacciatevi al Miraduoro poco avanti, dal quale si può godere di una vista spettacolare sulla città. Ora concentratevi… cosa vedete sotto di voi? A colpo d’occhio sembrerebbe una grossa vasca con uno zampillo d’acqua che fuoriesce dalle narici di una sorta di animale sormontato da una figura umana, ed effettivamente è l’antica fontana del giardino, come ce ne sono tante sparse per la città, ma attenzione! Se passate di qui nel mese di agosto probabilmente penserete di avere le allucinazioni per il caldo: vi sembrerà infatti di vedere la fontana piena d’acqua cristallina con gente dentro che fa il bagno, sabbia candida di fronte, ombrelloni e sdraio. E invece no carissimi, non siete in preda a un miraggio, la chicca è proprio questa! Per tutto il mese di agosto, dal 2014,  il Consiglio Parrocchiale di Sant’Antonio gestisce la trasformazione di questa fontana in una suggestiva piscina pubblica gratuita, con tanto di spiaggia e chiringuito per il ristoro in pieno centro!

turel01

Tutto ciò fa parte di un progetto di riqualificazione culturale-urbano attivo in tutta la città e che deriva dal lontano 1970, quando i laghi e i fiumi di Lisbona servivano come piscine per tutti i bambini che non potevano permettersi di spostarsi per le vacanze (qui il sito ufficiale, ovviamente in portoghese…).
Ah, visto che stiamo parlando di piscine, per vostra informazione vi segnalo che le piscine degli hotel di Lisbona sono aperte e accessibili a tutti. Ovviamente hanno restrizioni di orari e non sono gratuite, ma volete mettere, dopo aver girato la città sotto il sole, rilassarvi al fresco in acqua sorseggiando un cocktail magari sul rooftop di qualche hotel di lusso?

Tranquilli amici, nessun turista medio si soffermerà mai a cercare informazioni del genere. Godetevi il panorama, non ci sono calze di spugna bianche e sandali nelle vicinanze. Vi guardo io le spalle!

piscina

Wave rock, l’onda nel deserto

Eccomi di nuovo alle prese con una sensazionale chicca che purtroppo ho solo sfiorato (oddio, sfiorato… diciamo che sono stato più vicino di quanto lo sia adesso, ma la distanza non è mai scesa sotto i millecinquecento chilometri) e che quindi rientra alla grande nella categoria dei viaggi futuri inaugurata qualche tempo fa dall’articolo sul faro di Poolbeg a Dublino (qui l’articolo).
Siamo nel sud-ovest dell’Australia, per capirci in zona Perth, capitale dello stato del Western Australia; il viaggio infatti potrebbe partire proprio da qui, prima di tutto perché è tappa prescritta dalla legge per chi vuole fare un tour della costa ovest, e poi perché è il luogo abitato di una certa importanza più prossimo a ciò che vi sto per raccontare e che, sono sicuro, vi farà schizzare i neuroni come un flipper.

Come di consueto si deve fare da sé e, viste le strade che si possono trovare fuori dalle città australiane, si comincia col noleggiare una bella auto “robusta” (fummm-fummm! Ma che rumore è? Ah, è il turista medio che si dilegua al solo pensiero di doverlo fare) e ci si avvia fuori città in direzione est, fino a imboccare la statale 40 – Brookton Highway; essendo una statale, l’asfalto e la segnaletica ovviamente ci sono, ma più ci si allontana dalla civiltà, più la strada diventa piccola e le due corsie risultano sempre più risicate. Per circa trecento chilometri si incrociano pochissime macchine e si attraversano scenari spettacolari di foreste di eucalipto e, improvvisamente, lo spettacolare nulla più sconfinato, ancora foreste, poi qualche piccolo gruppo i case ogni tanto e qualche farm qua e là… semplicemente eccezionale. Si, laggiù? Dimmi! È una noia mortale e le foto vengono tutte uguali? Per favore potete arrestare quel turista medio per sproloqui? Grazie.

In prossimità del Kondinin Lake Nature Reserve, la statale cambia nome e diventa Kondinin-Hayden Road e infatti, dopo una sessantina di chilometri, si arriva nella cittadina di Hayden, dove si possono trovare diverse sistemazioni per trascorrere la notte. Qui la chicca si sta avvicinando prepotentemente e si trovano facilmente le indicazioni per il Wave Rock Wildlife Park (qui il sito ufficiale), un parco naturalistico che racchiude un sacco di cose interessantissime da vedere, tra cui la chicca esplosiva di questo articolo e per la quale vale la pena fare tre ore di macchina al caldo in mezzo al nulla: la spettacolare Wave Rock.

wave 2

wave3

Davanti a voi si estende un’eccezionale formazione rocciosa a forma di onda alta quindici metri e lunga centodieci, qui da diversi milioni di anni e la cui particolare concavità deriva dalla lenta erosione del vento e dell’acqua; probabilmente camminarci dentro – cosa che si può fare – deve essere un’esperienza notevole. Questa roccia è anche oggetto di una credenza ancestrale per le tribù aborigene di Ballardong, le quali credono che l’onda si sia formata per il passaggio del famoso Serpente Arcobaleno, dal corpo gonfio fino allo spasmo per aver consumato tutta l’acqua della Terra e quindi – come al solito – rispetto, mi raccomando!

wave 1

Scusate, per piacere, mi recuperate quel turista medio con i sandali che si sta facendo un selfie in cima all’onda facendo finta di surfare come Kelly Slater? Grazie!

 

Cassius, il gigante di Green Island

DSCN1136

Scorcio di Green Island

Premetto una cosa: oceano Australiano, orrendo!
Premetto un’altra cosa: atollo corallino di Green Island, altrettanto orrendo!

Questo atollo, immerso nel sensazionale Mar dei Coralli australiano, deve il suo nome a Charles Green, capo vedetta della nave oceanografica HMS Endeavour capitanata dal famoso esploratore James Cook (idolo assoluto di qualsiasi viaggiatore), il quale lo scoprì il 10 giugno del 1770. Dal punto di vista naturalistico è una perla rara: pur avendo una superficie di solo mezzo chilometro, l’isola è infatti l’unico dei circa trecento atolli sabbiosi della Grande Barriera Corallina a vantare al suo centro una vera e propria foresta pluviale! Centoventi specie di piante indigene – tra cui la sconcertante Socratea Exorrhiza o Albero che cammina, pianta che per il particolare sviluppo delle radici può spostarsi anche di circa venti metri l’anno alla ricerca del sole – che di giorno ospitano innumerevoli volatili dai colori mai visti e, di notte, colonie di pipistrelli grandi come aquiloni. Tutt’attorno il mare… ma va be’ ragazzi, inutile che vi dica cosa si può vedere facendo dieci passi (ma dieci di numero eh!) in acqua indossando una semplice maschera di plastica della Decathlon: pesci di ogni forma e colore, tartarughe, mante, squaletti di barriera e un giardino di coralli da spezzare il cuore, raggiungibile a nuoto con due bracciate. Già solo con queste informazioni il turista medio potrebbe venire colto da labirintite e vagare per giorni nel disimpegno davanti al bagno di casa, purtroppo per lui non ho ancora nemmeno introdotto il protagonista di questa memorabile chicca… eh sì amici, perché l’atollo, oltre a ospitare un meraviglioso resort di lusso (il Green Island Resort per l’appunto) con eleganti bungalow immersi nella foresta, è anche la sede della piccola riserva zoologica chiamata Marineland Crocodile Park (qui il sito ufficiale). Un percorso a piedi guidato vi porta a lambire alcuni acquitrini artificiali che ospitato un bel po’ di specie di coccodrilli e un meraviglioso acquario stracolmo di pesci autoctoni dai colori imperdonabili, ma è l’ultima delle vasche che vi lascerà senza fiato…

DSCN1254La chicca si avvicina, la recinzione questa volta è di metallo pesante e il cartello in legno riporta la scritta Cassius. Nell’acqua stagnante si intravedono solo due occhi gialli inespressivi che fanno venire i brividi e probabilmente risvegliano quell’istinto di sopravvivenza che avevamo sviluppato quando noi mammiferi eravamo ai primordi dell’evoluzione e loro ci cacciavano. La pelle d’oca aumenta quando dall’acqua spunta pigramente l’intera testa dell’animale, più di un metro di corazza e una fila di denti da far spavento, il tutto accompagnato da una specie di brontolio sordo e agghiacciante. I visitatori si radunano, l’inserviente in posizione di sicurezza porge all’animale un pollo che viene prontamente inghiottito e questo piccolo escamotage vi permetterà di rendervi conto che la punta della coda è a più di cinque metri di distanza, laggiù in fondo! Signore e signori, siete di fronte a Cassius, il coccodrillo marino in cattività più grande al mondo! Con i suo 5,48 metri (20 centimetri di coda sono purtroppo stati persi “in battaglia”) e la sua tonnellata di peso, è inserito al vertice della classifica del Guinnes Word Records ed è stato stimato che in base alla sua stazza possa avere più di centodieci anni.DSCN1240

Ormai la pelle d’oca è ai livelli massimi e quindi più di così non può aumentare, ma quando l’inserviente racconta che l’animale è stato catturato qualche decennio fa nei dintorni dell’isola, cioè dove ero io a fare il bagno fino a una mezz’oretta prima, vi devo confessare che una gocciolina di sudore freddo mi è scesa dalla fronte.

DSCN1252Una menzione su un fatto increscioso accaduto poco dopo. Una turista media, credo americana, pensando di risultare simpatica ha chiesto ridacchiando all’inserviente se con coccodrilli del genere si possano fare le borsette (in sottofondo le risatine dei suoi simili). Il ragazzo in modo gentile ma perentorio le ha risposto chiedendole se si fosse resa conto di quanto stesse osservando:
Quelli che ha davanti agli occhi, signora, sono mille chili di forza spaventosa, ricoperti da una corazza dura come la pietra… con cosa crede di poter uccidere un animale del genere per la sua borsetta? Con un bastone? Con una pistola? No signora, non credo proprio!“.
La turista media nel frattempo si stava rimpicciolendo sempre di più fino a scomparire tra le pieghe delle sue stesse calzette bianche. Giuro che è tutto vero.

DSCN1250